Il 25 aprile infangato. Contro nuovi fascismi, nuovi antifascisti.

L’antifascismo è uno dei valori fondanti della Repubblica Italiana, come lo è della nostra associazione.
Anno dopo anno, giorno dopo giorno, non solo nei cortei del 25 aprile, portiamo avanti il nostro lavoro all’insegna e nel rispetto dei valori della Resistenza.
Così, quest’anno il Coordinamento per il Diritto allo Studio ha partecipato con entusiasmo alla bella giornata svoltasi a Pavia, festeggiando insieme a tutti gli antifascisti la Liberazione dal regime.

Ma, come da ormai diverso tempo a Pavia, il fascismo più o meno esplicito sta tornando a galla. Proprio nella giornata del 25 aprile alcuni neofascisti hanno compiuto l’ennesimo gesto infame, offensivo e degradante: la parete di via Mentana, in pieno centro, accanto alla corona celebrativa posta durante la mattinata, è stata imbrattata con la scritta “Nessuna resa”, affiancata da due croci celtiche.

Come studenti antifascisti non possiamo che esprimere il nostro disgusto verso i modi e le aberranti idee di chi ha scritto quelle parole con l’esplicita volontà di macchiare tutto ciò che il 25 aprile rappresenta. Questo gesto, purtroppo, è solo la punta di un iceberg fatto di aggressioni e propaganda violenta attuata da militanti di diversi gruppi neofascisti operanti in zona.

Ci auguriamo che gli altri attori antifascisti siano concordi con la necessità di attuare un’operazione di sensibilizzazione molto più forte di quella attuale. L’antifascismo non può essere un valore di un giorno e non può essere un valore che si esplicita solo per commentare le azioni di alcuni squilibrati. L’antifascismo deve essere una forza di azione comune volta a evitare che atti come questi si manifestano e non una semplice voce di acido commento a fatti già successi. Perché non sia troppo tardi.

Viva la Resistenza! Viva il 25 aprile, 365 giorni l’anno!

Coordinamento per il Diritto allo Studio – UDU Pavia