tagli
Regione Lombardia taglierà i fondi di funzionamento degli Enti per il Diritto allo Studio. Voci trapelate sui quotidiani dalle commissioni regionali parlano di pesanti tagli all’interno del bilancio, che si attestano su una cifra di circa 6 milioni di euro su un totale di 15 milioni. Anche se le cifre non sono ancora definitive (il bilancio a livello regionale è in fase di discussione e i tagli a livello nazionale verranno definiti successivamente al confronto in Conferenza Stato-Regioni), denunciamo che un colpo simile metterebbe completamente in ginocchio i singoli enti, per quanto riguarda la gestione dei servizi attualmente offerti.
 
Attualmente il Diritto allo Studio Universitario (DSU) a livello regionale è finanziato da 3 componenti: la frazione di Fondo Integrativo Statale (FIS) assegnato alla Regione, la sommatoria regionale di tutte le tasse per il diritto allo studio contenute nella contribuzione universitaria e da fondi propri della Regione.
Dal 2010 il FIS è sceso ogni anno, in barba alla criticità dell’esistenza degli idonei non beneficiari di borsa di studio. Il fondo costituito dalla tassa regionale per il diritto allo studio è arrivata a coprire la maggior parte del finanziamento stesso del DSU, creando un’ulteriore anomalia italiana: gli studenti si auto-finanziano una grossa fetta delle proprie borse di studio.
A tutto questo, con i provvedimenti contenuti nella Legge di Stabilità e con il funzionamento del Patto di Stabilità interno alla Regione, si somma un’ulteriore criticità: quella del taglio dei fondi assegnati dalla regione alle voci di bilancio del diritto allo studio per evitare di dover tagliare altre voci di rilievo sociale quale sanità e trasporti, vista la criticità dei 4 miliardi di euro di tagli statali.
 
“L’Assessore all’Istruzione, Valentina Aprea, sta gestendo con estrema leggerezza una situazione catastrofica: la comunicazione del taglio dei fondi che finanziano il funzionamento degli enti stessi. Questo vuol dire che si andrà a tagliare sui servizi erogati direttamente dagli enti, sui collegi, sulle mense e sul personale dipendente” – dichiara Mattia Sguazzini, segretario del Coordinamento per il diritto allo studio – UdU Pavia – “In una situazione in cui la copertura delle borse di studio non è comunque garantita nella sua totalità in Regione Lombardia, tagli di questo tipo distruggerebbero completamente i piani finanziari degli enti, producendo un effetto disastroso sull’erogazione dei servizi. Di fatto, è un’operazione per demolire dalla base quel minimo di diritto allo studio attualmente presente. Tutto questo si somma a uno scenario nazionale inaccettabile: l’insufficiente finanziamento da parte dello Stato, combinato ai tagli delle regioni e all’aumento dei richiedenti per via della crisi economica, che ha già portato all’aumento a livello nazionale del numero di idonei non beneficiare ad aumentare da 30mila a 46mila unità”.
 
“Gli 11 collegi gestiti dall’EDiSU di Pavia costituiscono uno dei capisaldi del diritto allo studio per la comunità accademica pavese. Un taglio del genere rischia di distruggere completamente il funzionamento delle residenze universitarie, mettendone a rischio il funzionamento ordinario e l’erogazione dei servizi in una situazione in cui, già ora, la scarsa disponibilità di fondi non permette interventi riguardanti l’edilizia che vadano appena oltre la basilare vivibilità degli ambienti” – aggiunge Nicholas Nese, neo-rappresentante in CdA EDiSU del Coordinamento per il diritto allo studio – UdU Pavia – “Inoltre, tagli sul funzionamento degli enti porterebbero anche al rischio dell’erogazione del servizio mensa, già esternalizzato nella quasi totalità dei casi, per tutti gli studenti. Questi tagli priverebbero la comunità accademica intera di una peculiarità storica e, soprattutto, di servizi fondamentali per il diritto allo studio”.
 
Conclude Mattia Sguazzini: “Non vogliamo che venga strumentalizzato il diritto allo studio a fini di propaganda politica, per scaricare colpe su base nazionale o regionale. È necessario effettivamente cambiare verso a livello nazionale per far sì che il diritto allo studio venga garantito. Ed è necessario che a livello regionale si intervenga per evitare che quei pochi servizi e diritti attualmente a disposizione degli studenti, invece di migliorare, vengano completamente demoliti da scelte politiche distruttive. Ci impegneremo in ogni sede a nostra disposizione di portare avanti le nostre istanze e far sì che venga garantito il diritto allo studio a tutti gli studenti. Nel contempo, riteniamo sia necessario informare e mobilitare gli studenti per evitare la distruzione dei nostri diritti a partire dalle fondamenta. Già il 12 dicembre saremo in piazza a Milano a fianco dei lavoratori per lo Sciopero Generale e questo sarà il tema di punta del nostro corteo studentesco”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.