Coordinamento per il diritto allo studio – UDU Pavia, Tassazione fuori legge: “Non accettiamo il silenzio. Vogliamo le scuse!”

Luigi Profeta, segretario del Coordinamento per il diritto allo studio – UDU Pavia, dichiara: “Sono passate ormai oltre 24 ore dal deposito della sentenza del Consiglio di Stato con cui si è stabilito che l’Università di Pavia dovrà restituire i soldi “scippati” agli studenti, oltre la soglia stabilita dalla Legge. Nonostante ciò, i vertici dell’Università di Pavia dell’epoca non ci ha ancora inviato alcun tipo di scusa. Allo stesso modo l’attuale amministrazione universitaria non si è ancora pronunciata. Questo silenzio è inaccettabile. Aspettiamo le scuse del Prof. Stella, ex Rettore dell’Università, e del Prof. Rampa, ex Pro Rettore al Bilancio”.

Il segretario dell’ UDU – Pavia continua: “Quelle scuse le devono alla nostra associazione e a tutta la comunità accademica, in particolare a tutte le persone che si sono opposte alla riforma sulla contribuzione decisa da quell’amministrazione universitaria nel 2010. Il comportamento tenuto all’interno delle istituzioni universitarie, in sede processuale, all’interno della CRUI rispetto a questo procedimento è stato irresponsabile dal punto di vista politico e arrogante nei confronti degli studenti e dei rappresentanti degli studenti della nostra associazione. Le offese portate da quell’arroganza e quell’atroce freddezza aspettano parole di scusa così come aspettiamo le dichiarazioni dell’attuale Rettore, visto che, nonostante abbia impostato una campagna elettorale all’insegna del ‘cambiamento’, ha proseguito pedissequamente le linee precedentemente impostante, appello in Consiglio di Stato le ulteriori sentenze a noi favorevoli sui bilanci successi al 2010.”

Conclude Luigi Profeta: “Siamo consapevoli che l’esistenza di posizioni e punti di vista differenti è inevitabile, ma quello che non accettiamo e ci risulta intollerabile è la totale mancanza di rispetto e la ripetuta derisione per l’esserci limitati a chiedere l’applicazione di  una norma il cui significato era ben evidente a chiunque e che ,invece, l’ateneo ha consapevolmente violato. Questa vicenda dimostra non solo la fondatezza delle nostre pretese, ma anche il rispetto e la considerazione  che esse meritavano dai vertici dell’ateneo, i quali -ancora una volta- si sono creduti onnipotenti e immuni da qualsiasi vincolo legislativo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.