INDIE 11 *Programma*

merc 9 maggio 2007

Cinema POLITEAMA

ancora vivi

ore 19.30 STILL LIFE di Jia Zhang-Ke, Cina, Hong Kong 2006.
Un villaggio sommerso dall’acqua, un uomo e la figlia, che non ha mai conosciuto, una donna alla ricerca del marito scomparso da anni. Sullo sfondo della diga delle Tre Gole la fotografia della Cina contemporanea: grigia, umida inquieta, disperata. Documentaristico, arido, apocalittico lo stile del film che vince il Leone d’Oro all’ultima Biennale di Venezia. In anteprima a Pavia. Simbolico.

ore 21.30 IL SEGRETO DI ESMA di Jasmila Zbanic, Bosnia-Herzegovina 2006.
Sarajevo, 2006. Le dolorose ferite della lunga guerra jugoslava, il tessuto urbano e l’animo delle persone. Esma, bosniaca, lavora come cameriera in un club e vive con l’adolescente, irrequieta, adorata ribelle figlia Sara. Ma il padre chi è?
Lungometraggio d’esordio della documentarista bosniaca Jasmila Zbanic, Orso d’Oro a Berlino 2006. In prima visione a Pavia. Femminile, attento, problematico.

ore 23.00 SHORTBUS di John Cameron Mitchell, USA 2006.
In una New York colorata e in 3D la m.d.p. impazzita osserva come in provetta le stranezze che contraddistinguono gli esseri umani nell’intimità : la gente si frequenta, si ama, si interroga: “com’è stato il tuo ultimo orgasmo?”.
Eroticamente poliedrico, intimamente scandalistico, sofferentemente onesto e alla strenua ricerca dell’amore. Sempre. Divertentemente (v)ero.

merc 16 maggio

cinema CORALLO

l’erba voglio

ore 20.30 PROPRIETà€ PRIVATA di Joachim Lafosse, Belgio, Lussemburgo, Francia, 2006.
Una madre divorziata e i suoi due, ventenni, figli gemelli, vivono, ridono, si coccolano e litigano in una bella, grande casa della campagna belga. Ma che succede se a mammà  vien voglia di vendere?
Heimlich e unheimlich, amore e odio, fratellanza e violenza. Da Venezia 2006 una bella sorpresa per la prima volta a pavia: “amor di fratello”¦”

ore 22.30 L’ARTE DEL SOGNO di Michel Gondry, Francia, Italia 2006.
Arrivato a Parigi per lavorare in un’azienda che produce calendari, Stà©phane Miroux ha una vita monotona, ma sogni incredibili. Poi conosce Stà©phanie, la sua dirimpettaia e se ne innamora. Un ponte tra fantasia e realtà , una commedia amara e surreale, un modo efficace per raccontare il sonno e l’amore. In prima visione in città . Melodrammatico e attuale.

 

merc 23 maggio

cinema CORALLO

paura e desiderio

ore 20.30 LA VOLTAPAGINE di Denis Dercourt, Francia 2006.
Melanie a dieci anni ha un grande talento per il pianoforte, poi l’esame d’ammissione al conservatorio, una presidente di giuria troppo distratta, e la vita che prende un’altra strada, però anni dopo in uno studio d’avvocato la vendetta può forse finalmente aver luogo”¦
Sopruso, ingiustizia, prevaricazione, fallimento: e il privilegio cambia di segno. Per la prima volta a Pavia. Metaforico.

ore 22.30 THE ROAD TO GUANTANAMO di Mat Whitecross e Michael Winterbottom, Gran Bretagna 2006.
Settembre 2001. Quattro amici inglesi di origine pakistana lasciano Tipton, una cittadina nel centro dell’Inghilterra, per festeggiare il matrimonio di uno di loro. Una volta giunti a destinazione vengono catturati dall’Alleanza del Nord e accusati di essere terroristi internazionali. Condotti a Guantanamo vengono incarcerati per due anni fino a quando saranno rilasciati senza che sia stata trovata nessuna imputazione a loro carico. Cronaca e denuncia. L’errore giudiziario ed il terrorismo internazionale. Avventuroso.

merc 30 maggio

cinema CORALLO

 

la natura della violenza

ore 20.30 GRIZZLY MAN di Werner Herzog, USA 2005.
Il naturalista Timothy Treadwell ama talmente i suoi orsi da finirne, con la fidanzata e collega Amie Huguenard, ferocemente sbranato. Un’indagine lucida ed acuta sulla natura dell’uomo contemporaneo sospeso tra insoddisfazione per il finito e desiderio pericoloso di un altrove impossibile, una lezione insostituibile di vita e di cinema. Prima visione a Pavia. Selvaggio.

ore 22.30 LETTERE DA IWO JIMA di Clint Eastwood, USA 2006.
La pi๠crudele battaglia del Pacifico raccontata dalla parte dei giapponesi.
È il seguito imperdibile di Flags of Our Fathers da vedere assolutamente anche da solo: un film magmatico, carico di dubbi, povero di certezze, sicuramente commovente. Attraverso lettere e disegni provenienti dal fronte, Clint Eastwood ricostruisce la guerra “privata” del generale Kuribayashi, uomo di grande cultura, eccellente stratega. In incredibile anteprima assoluta a Pavia. Geniale.

Ingresso intero cinque euro a serata, ridotto quattro euro soci UDU, cinetica e AGIS

ingresso quattro serate 12 euro.

L’abbonamento può essere acquistato presso la biglietteria del cinema a partire dalla prima serata.

Programma, testi e pre-testi di roberto figazzolo

info: contatti
indie11@coordinamento.org