cl, comunione e liberazione, studenti, unipv, udu, clds

Comunione e Liberazione: la «Lobby di Dio»?

Lunedì 23 Novembre 2015 presso il CIRCOLO ARCI Radio Aut si terrà la conferenza dal titolo “Comunione e Liberazione: la «Lobby di Dio»?”.

Parleremo della confraternita di Comunione e Liberazione, descrivendone brevemente la storia dalla nascita ai giorni nostri, soffermandosi su alcuni scandali giudiziari; in particolare
grazie alla presenza di Franco Bordo, parlamentare e autore dell’esposto sul “caso Inzoli” racconteremo la vicenda che ha coinvolto uno dei vertici di CL: Don Mauro Inzoli, carismatico prete cremasco, già confessore di Roberto Formigoni e presidente del Banco Alimentare, accusato di violenza sessuale con abuso di autorità e violenza sessuale aggravata per abuso di minore di 12 anni.

Dopo un’introduzione video con interventi del giornalista Ferruccio Pinotti e dello scrittore Massimo Carlotto, il giornalista e co-autore del libro “Cosa Loro – I serenissimi della Compagnia delle Opere” Ernesto Milanesi interverrà per delineare l’organizzazione di CL e sintetizzare gli ultimi avvenimenti politici che hanno riguardato la confraternita, con particolare riguardo alla Lombardia.

Si discuterà delle intersezioni tra CL e la politica e la giustizia italiana, il funzionamento interno del movimento, comprese le varie organizzazioni satellite a cominciare dalla Compagnia Delle Opere, ma senza dimenticare quelle di ambito universitario.

L’iniziativa realizzata con il contributo della Commissione Permanente Studenti dell’Università di Pavia nell’ambito del programma per la promozione delle attività culturali e ricreative degli studenti.

mafie unipv studenti pavia acersat

MAFIE 2015 – undicesima edizione

Il Coordinamento per il Diritto allo Studio – UDU Pavia, insieme all’Osservatorio Antimafie, è lieto di presentare la XI edizione di “MAFIE 2015: legalità e istituzioni”: il consueto ciclo di incontri nato nel 2005 con l’obiettivo di sensibilizzare studenti e cittadini sul tema della lotta alla criminalità organizzata di stampo mafioso.

MAFIE 2015 inizia  LUNEDI 5 OTTOBRE 2015 con “ROMPERE IL SILENZIO” che si terrà in AULA MAGNA alle 21.00. Nella conferenza Ignazio Cutrò Presidente dell’Associazione Nazionale testimoni di giustizia e vittima di racket affronterà il tema della “Figura del testimone di giustizia: tutelare chi è vittima ma estraneo alla mafia” a fianco della Prof.ssa Laura Cesaris, docente di diritto dell’esecuzione penale nell’Università di Pavia e di Gabriele Conta, giornalista de “La provincia Pavese”.

MERCOLEDI 7 OTTOBRE 2015 sempre alle ore 21.00 sarà la volta presso il TEATRO FRASCHINI dello spettacolo teatrale di Giulio Cavalli “L’AMICO DEGLI EROI” Parole, opere e omissioni di Marcello Dell’Utri.

La terza serata di MAFIE 2015, prevista per LUNEDI 12 OTTOBRE 2015, sarà dedicata alla proiezione del documentario “1893.L’INCHIESTA” la repressione del movimento dei fasci siciliani dei lavoratori alle origini del fenomeno mafioso, al quale interverrà la regista Nella Condorelli. L’inizio della proiezione è prevista per le ore 21.00 presso il CIRCOLO ARCI Radio Aut Pavia, in Via Porta Salara 18.

Per informazioni o contatti:

L’iniziativa è realizzata grazie al contributo concesso dalla Commissione Permanente Studenti dell’Università di Pavia nell’ambito delle attività culturali e ricreative degli studenti.

Periferie: narrazioni e illusioni

PERIFERIE: narrazioni e illusioni

Periferie: narrazioni e illusioniGiovedi 26 marzo 2015
Ore 21
Aula Magna dell’Università di Pavia.

“Qui l’umano è relativo. Nel massimalismo di ferro e calcestruzzo, i viventi sembrano precari, appollaiati nelle colombaie di cemento, infrattati nelle stecche orizzontali. Stazionano in una Cappadocia preordinata a tavolino, in cui l’architettura pretenderebbe di assumere su di sé l’ineluttibilitá della natura.”

A partire dal viaggio nelle periferie romane raccontato nel libro pubblicato da Quodlibet Humboldt nel 2013 e nel film diretto da Franco Rosi vincitore del Leone d’Oro a Venezia, l’iniziativa si propone di analizzare il tema delle periferie: dall’illusione dei quartieri moderni, alla distanza simbolica e reale dal centro, all’Istituto Autonomo Case Popolari. Guardando alla mancanza di servizi essenziali al cittadino
si vede come, in base a scelte istituzionali, il territorio si modifica e si dota di paesaggi in cui la storia moderna rivede l’antica storia ricca di responsabilità.
Come cambiano la dimensione della cittadinanza e le categorie istituzionali nel contesto delle periferie?

Dialogheranno gli autori del progetto Sacro Romano Gra:
· Nicolò Basetti, paesaggista e urbanista;

· Sapo Matteucci, giornalista e scrittore;

Modera Emilio Mazza, docente di filosofia alla IULM di Milano.
 
Clicca qui per l’evento Facebook.