Mafie_2014_4

“MAFIE 2014 – legalità e istituzioni”, QUARTA SERATA.

Il Coordinamento per il Diritto allo Studio – UDU Pavia, insieme all’Osservatorio Antimafie, presenta quest’anno la X edizione di “Mafie 2014: legalità e istituzioni”.

Il ciclo di incontri si articolerà in 4 serate di conferenze per la sensibilizzazione sul tema della lotto alla criminalità organizzata di stampo mafioso.

Con la serata di giovedì 9 ottobre, infine, presso l’aula del ‘400, si chiuderà l’evento di fronte alla proiezione di “La voce di Impastato”, docu-film di lancio del film di PIF al festival di Londra, discusso dal regista Ivan Vadori con il pubblico.

L’iniziativa si terrà dalle ore 21 all’interno delle aule dell’Università di Pavia con il patrocinio del Dipartimento di Giurisprudenza. L’ingresso sarà gratuito (fino ad esaurimento posti).

L’iniziativa è realizzata grazie al contributo concesso dalla Commissione Permanente Studenti dell’Università di Pavia nell’ambito delle attività culturali e ricreative degli studenti.
Per informazioni o contatti: osservatorioantimafiepavia.udu@gmail.com

Mafie_2014_3

“MAFIE 2014 – legalità e istituzioni”, TERZA SERATA.

Il Coordinamento per il Diritto allo Studio – UDU Pavia, insieme all’Osservatorio Antimafie, presenta quest’anno la X edizione di “Mafie 2014: legalità e istituzioni”.

Il ciclo di incontri si articolerà in 4 serate di conferenze per la sensibilizzazione sul tema della lotto alla criminalità organizzata di stampo mafioso.

La terza serata, mercoledì 8, aula magna, organizzata con il Presidio pavese di Libera, si parlerà di “Malgoverno della città” con Giuseppe Baldessarro, Giornalista del Quotidiano della Calabria, autore del libro “il Caso Fallara. Storia del Modello Reggio”, allargando poi lo sguardo alle infiltrazioni criminali nel nord Italia, con Giuseppe Lumia, Ros di Milano, già comandante dei ROS di Gioia Tauro e Andrea Galli, cronista del Corriere della Sera, autore del libro “Cacciatori di mafiosi”. A moderare sarà Marco Magnani, capo-redattore del periodico universitario Jaromil.
Giuseppe Baldessarro, giornalista del “Quotidiano della Calabria” è stato autore del libro “”Il Caso Fallara. Storia del Modello Reggio” e di molti altri volumi. La storia di Giuseppe Scopelliti – invocato come Sindaco più amato dagli Italiani e additato come simbolo anche qui a Pavia (dove era venuto a sostenere la candidatura di Dante Labate al Consiglio Comunale) – ha portato alle elezioni anticipate della Regione Calabria, dopo le dimissioni dello stesso Scopelliti dalla carica di Presidente in seguito alla condanna a 6 anni per abuso d’ufficio e falso riferita al periodo in cui era sindaco di Reggio Calabria. Un’inenarrabile sequela di clientele e di spese dissennate per grandi eventi che, lungi dal portare sviluppo alla città, l’hanno condotta sul lastrico, senza molti servizi essenziali, invasa dalla spazzatura e con l’Amministrazione – dopo la breve sindacatura di Demetrio Arena – addirittura sciolta per infiltrazione mafiosa. La storia si intreccia anche con la tragica morte della Dirigente dell’Ufficio Finanze e Tributi del Comune, Orsola Fallara, trovata suicidata nel porto di Reggio alla fine del 2010.

L’iniziativa si terrà dalle ore 21 all’interno delle aule dell’Università di Pavia con il patrocinio del Dipartimento di Giurisprudenza. L’ingresso sarà gratuito (fino ad esaurimento posti).

L’iniziativa è realizzata grazie al contributo concesso dalla Commissione Permanente Studenti dell’Università di Pavia nell’ambito delle attività culturali e ricreative degli studenti.
Per informazioni o contatti:osservatorioantimafiepavia.udu@gmail.com

mafie_2014_Grevi

“MAFIE 2014 – legalità e istituzioni”, SECONDA SERATA.

Il Coordinamento per il Diritto allo Studio – UDU Pavia, insieme all’Osservatorio Antimafie, presenta quest’anno la X edizione di “Mafie 2014: legalità e istituzioni”.

Il ciclo di incontri si articolerà in 4 serate di conferenze per la sensibilizzazione sul tema della lotto alla criminalità organizzata di stampo mafioso.

Martedì 7 ottobre, sempre in Aula Magna, sarà la volta di Gian Carlo Caselli, ex procuratore della Repubblica di Palermo, che con Paolo Biondani, Giornalista de L’Espresso, tratterà “Il Coraggio di processare il potere”.
Gian Carlo Caselli inizia la sua attività di magistrato nel 1967 presso il Tribunale di Torino e da qui agirà contro il terrorismo degli anni di piombo delle Brigate Rosse e Prima Linea. Dal 1993 al 1999 è Procuratore della Repubblica di Palermo dove nella lotta alla mafia incastrerà boss quali Leoluca Bagarella, Gaspare Spatuzza e Giovanni Brusca. Va ricordato che la serata del 7 ottobre sarà scelta in particolare per commemorare il prof. Vittorio Grevi, cui l’intera rassegna è dedicate. Infatti, va ricordato che tutto ebbe inizio da un gruppo di studenti guidati dal prof. Grevi che amava favorire iniziative proposte dagli studenti stessi, come momento di crescita intellettuale e civile. Venuto a mancare prematuramente il Professore (poco dopo l’edizione del 2010, nel corso della quale intervistò Roberto Saviano e, la sera successiva, dialogò con Armando Spataro), ci è parso doveroso dedicargli la rassegna, non solo per il sostegno e la disponibilità dimostrata, ma per l’impegno civile che ha sempre profuso nel settore degli strumenti (giuridici) di contrasto al crimine organizzato. Per questo motivo, un momento della serata sarà dedicato alla figura del prof. Vittorio Grevi.

L’iniziativa si terrà dalle ore 21 all’interno delle aule dell’Università di Pavia con il patrocinio del Dipartimento di Giurisprudenza. L’ingresso sarà gratuito (fino ad esaurimento posti).

L’iniziativa è realizzata grazie al contributo concesso dalla Commissione Permanente Studenti dell’Università di Pavia nell’ambito delle attività culturali e ricreative degli studenti.
Per informazioni o contatti:osservatorioantimafiepavia.udu@gmail.com

mafie_2014_approvata copia

“MAFIE 2014 – legalità e istituzioni”, PRIMA SERATA.

Il Coordinamento per il Diritto allo Studio – UDU Pavia, insieme all’Osservatorio Antimafie, presenta quest’anno la X edizione di “Mafie 2014: legalità e istituzioni”.

Il ciclo di incontri si articolerà in 4 serate di conferenze per la sensibilizzazione sul tema della lotto alla criminalità organizzata di stampo mafioso.

Nella prima serata, quella di lunedì 6 ottobre che si terrà in Aula Magna, sarà presente Alessandra Cerreti, sostituto procuratore presso la direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria che affronterà il tema di “Donne e antimafia” a fianco del Prof. Enzo Ciconte, docente del corso di Storia delle Mafie Italiane dell’Università di Pavia.

Alessandra Cerreti, entrata in magistratura nel 1997, si occupa fino al 2009 di criminalità organizzata presso il Tribunale di Milano. Fattasi trasferire presso la Procura Tribunale Reggio Calabria, entra a far parte della Direzione Distrettuale Antimafia dove, titolare del procedimento “all inside”, ha consentito l’arresto di 80 individui accusati di appartenenza mafiosa alla cosca Pesce e, nel procedimento “all clean”, al sequestro di beni di tale cosca. Essenziale in questa vicenda è stato il ruolo di Giusy Pesce, la più importante collaboratrice di giustizia di ‘ndrangheta, la quale ha avuto il coraggio di ribellarsi contro la propria famiglia e di rompere il muro del silenzio, per amore dei suoi figli e non solo. Un percorso di pentimento e di lotta, durante il quale le dichiarazioni della pentita sono state raccolte dal pm Alessandra Cerreti, che è riuscita a suscitare la sua fiducia, come magistrato e come donna, proponendole un’alternativa a quell’onore di cui tanto si sente parlare nel mondo mafioso e incoraggiandola ad andare avanti e a ritrovare la propria libertà. Quello di Giusy Pesce è stato un “messaggio rivoluzionario”, ha affermato Alessandra Cerreti: un esempio per molte altre donne mafiose che sognano un futuro migliore per i propri figli e che troppo spesso non riescono a realizzarlo.

L’iniziativa si terrà dalle ore 21 all’interno delle aule dell’Università di Pavia con il patrocinio del Dipartimento di Giurisprudenza. L’ingresso sarà gratuito (fino ad esaurimento posti).

L’iniziativa è realizzata grazie al contributo concesso dalla Commissione Permanente Studenti dell’Università di Pavia nell’ambito delle attività culturali e ricreative degli studenti.
Per informazioni o contatti: osservatorioantimafiepavia.udu@gmail.com

#Mafie14

MAFIE 2014 – legalità e istituzioni

Mafie 2014

Mafie 2014 – legalità e istituzioni

Il Coordinamento per il Diritto allo Studio – UDU Pavia, insieme all’Osservatorio Antimafie, è lieto di presentare la X edizione di “Mafie 2014: legalità e istituzioni”: il consueto ciclo di incontri nato nel 2005 con l’obiettivo di sensibilizzare studenti e cittadini sul tema della lotta alla criminalità organizzata di stampo mafioso. Quest’anno il programma della manifestazione si articolerà in 4 serate di conferenze comprese tra lunedì 6 e giovedì 9 ottobre, all’interno delle aule dell’Università di Pavia con il patrocinio del Dipartimento di Giurisprudenza. Il taglio dell’iniziativa vedrà affiancarsi la linea divulgativa ben evidenziata dal docu-film di Ivan Vadori sino a quella di approfondimento giuridico, ma comunque sempre accessibile anche ai non addetti ai lavori.

Nella serata di Lunedì 6 ottobre, che si terrà in Aula Magna, Alessandra Cerreti, sostituto procuratore presso la direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, affronterà il tema di “Donne e antimafia” a fianco del Prof. Enzo Ciconte, docente del corso di Storia delle Mafie Italiane dell’Università di Pavia.

Martedì 7 ottobre, sempre in Aula Magna, sarà la volta di Gian Carlo Caselli, ex procuratore della Repubblica di Palermo, che con Paolo Biondani, Giornalista de L’Espresso, tratterà “Il Coraggio di processare il potere”.

La terza serata, Mercoledì 8 ottobre, aula magna, organizzata con il Presidio pavese di Libera, si parlerà di “Malgoverno della città” con Giuseppe Baldessarro, Giornalista del Quotidiano della Calabria, autore del libro “il Caso Fallara. Storia del Modello Reggio”, allargando poi lo sguardo alle infiltrazioni criminali nel nord Italia, con Giuseppe Lumia, Ros di Milano, già comandante dei ROS di Gioia Tauro e Andrea Galli, cronista del Corriere della Sera, autore del libro “Cacciatori di mafiosi”. A moderare sarà Marco Magnani, capo-redattore del periodico universitario Jaromil.

Con la serata di Giovedì 9 ottobre, infine, presso l’aula del ‘400, si chiuderà l’evento di fronte alla proiezione di “La voce di Impastato”, docu-film di lancio del film di PIF al festival di Londra, discusso dal regista Ivan Vadori con il pubblico.

Tutte le iniziative si terranno dalle ore 21 e l’ingresso sarà gratuito (fino ad esaurimento posti). L’iniziativa è realizzata grazie al contributo concesso dalla Commissione Permanente Studenti dell’Università di Pavia nell’ambito delle attività culturali e ricreative degli studenti. Per informazioni o contatti: osservatorioantimafiepavia.udu@gmail.com