NUOVO BANDO ERASMUS

Oggi in rettorato si è tenuto un incontro tra rappresentanti degli studenti, prorettore alla didattica, prof. Govoni, presidente del CLA prof. Jezek, delegati dell’area Internazionalizzazione riguardo al problema dell’ Erasmus.

A fronte del crollo netto degli studenti che potrebbero partire, siamo riusciti a ottenere l’emissione di un secondo bando per assegnare le sedi rimaste vacanti.

Il bando, che uscirà probabilmente a giugno, permetterà di partire per il secondo semestre. Per le mete con periodo superiore ai 6 mesi lavoreremo affinchè possano essere comunque accessibili. Questo nuovo bando,  a cui potranno partecipare tutti gli studenti, sarà chiaramente indipendente da quello già uscito, che concluderà il suo naturale iter: quindi se avete passato il test e risultate idonei per la sede che avevate scelto potrete concludere il percorso di assegnazione della sede nei normali termini.

Se invece non avete passato il test dovrete aspettare fino a giugno, quando tutte le procedure relative al primo bando saranno concluse, e verrà presentato il nuovo bando con le sedi rimaste. Presumibilmente, ma non ci sono ancora elementi certi, il secondo test di lingua verrà erogato a fine luglio o nel mese di settembre: in tale seconda data potranno partecipare al test sia chi non ha passato quello precedente e vuole concorrere per il secondo semestre 2017 sia chi pensa di concorrere per il bando relativo all’anno accademico 2017/2018.

Chiederemo che il nuovo bando sia maggiormente inclusivo, che veramente vagli le competenze linguistiche utili alla vita erasmus di uno studente, senza che di fatto risulti limitativo rispetto alla partenza e che le soglie di sbarramento siano più basse rispetto a quelli appena conclusi. Infati i dati ci dicono che il 20 % dei test erogati non ha superato il livello A2, mentre ben il 35 % si è fermato all’ A2, tale livello permette di accedere al colloqui motivazionale ma viene accettato da pochissime sedi.

Inoltre riteniamo che sia necessario che per quanto riguarda il prossimo anno accademico l’Università si assuma la responsabilità rispetto ai problemi causati agli studenti con questa modalità di selezione che di fatto vincola la partenza in Erasmus, in quanto essa dovrebbe essere garantita a quanti più studenti possibili.